MOVIMENTO POLITICO "NOI MERIDIONALI"

Tu sei qui: Home :: LETTERA AI CITTADINI

06/09/2010

LETTERA AI CITTADINI

Non siamo più alle ingiustizie sociali ma allo sterminio di un POPOLO dalle grandi tradizioni da tempo emarginato, IL MERIDIONE.

LETTERA APERTA AI CITTADINI

 

 

Prima di Bossi avremmo dovuto gridare "Roma Ladrona",anche se in verità ancor prima avremmo dovuto gridare "POLITICI SICILIANI LADRONI", poichè sono stati loro a derubarci dei diritti. Senza il loro consenso i Governi di Roma mai avrebbero potuto realizzare quel furto di diritti che oggi noi siciliani siamo costretti a sopportare. Ogni anno 85000 giovani meridionali vivono  il dramma dell'emigrazione per un lavoro,i siciliani devono sopportare 1000 difficoltà per sopravvivere, derubati da politici che non sanno cosa sia un comportamento onorevole, che oltre ad ottenere il consenso con le minacce, ad ufficializzare in dispregio alla libertà individuale "O CON ME O CONTRO DI ME" che tradotto significa o ti sottometti o ti distruggo, in reltà sono meno di niente.  Hanno scelto il parassitismo tanto da meritare più che l'appellativo di Onorevoli quello di sanguisughe della società.

La situazione è talmente grave da aver intaccato anche il problema etico della convivenza civile, sono state distrutte  le regole della giustizia sociale tanto da aver creato un nuovo modello di schiavismo e determinato una tensione sociale che potrebbe esplodere in una rabbia incontrollata. Per queste considerazioni anche la Santa Sede, attraverso la CEI , ha ritenuto di dover impegnarsi  invitando i vescovi meridionali a far appello ai cattolici per una loro partecipazione alla politica, apportandone  i propri valori. Non siamo più alle ingiustizie sociali ma allo sterminio di un popolo, quello meridionale, dalle grandi tradizioni, da tempo emarginato. Non è più tollerabile che tutti quelli che si presentano alle elezioni, se non eletti ricevano compensi personali sotto forma di incarichi milionari in barba alle istanze ed alla miseria della gente.

 

 

Per rimediare a queste denunce, ormai universali tra i siciliani,quali risposte danno i nostri politici? Nessuna, si nascondono dietro il silenzio più assoluto !!! Solo l'On Rudy Maira ha avuto per lo meno il coraggio di rispondere per tranquillizzarci!! Si farà promotore di un invito ai deputati regionali e nazionali del nostro territorio per sollecitare un impegno a favore della gente che dal giorno dopo potrà dormire sonni tranquilli !!!

 

Caro Rudy,con affetto, ma davvero ritieni che questa tua iniziativa possa portare al benchè minimo beneficio? Pur ribadendo il tuo coraggio, ti prego di rispettare la tua intelligenza !!! Ti sei accorto solo oggi del comportamento inqualificabile di tutti i nostri politici? Sai benissimo che invitare i politici ad un comportamento corretto e finalizzato al benessere della collettività che rappresentano avrà lo stesso risultato che avrebbe l'invito rivolto ai pedofili di rispettare la sacralità dell'infanzia. Questa tua iniziativa pensi che potrà cambiare il comportamento dei vertici del tuo partito,le scelte di tutti i parlamentari regionali e nazionali,tanto da farci avere giustizia dopo 60 anni di sfascio?

 

Se sei in buona fede e non mi permetto di dubitarne,l'unica via da seguire è l'abbandono del tuo partito dal quale riceveresti una forte opposizione ad un cambiamento e scegliere il nostro movimento meridionalista che al contrario impone l'onestà.
Non sarebbe il primo caso poichè è già successo nella storia a Paolo di Tarso,fulminato nella via di Damasco, che oggi onoriamo da Santo. Qualsiasi altra scelta non sarà credibile per i siciliani .

 

Enzo Maiorana

Responsabile per la Sicilia di “IO SUD”

 


Segretario generale NOI MERIDIONALI ~ Enzo Maiorana

Enzo Maiorana - Segretario generale - Movimento politico "NOI MERIDIONALI"

Sede legale - Via Ippocrate 96 - 00161 Roma c.f. 97565260581 - Cell. 333 9590491 - info@noimeridionali.com ~ Privacy policy

 

Sito web realizzato da: CLIC - Consulenze per il web marketing

Posizionamento ai primi posti nei motori di ricerca a cura di: Antonino Argentati

 

Movimento politico