MOVIMENTO POLITICO "NOI MERIDIONALI"

Tu sei qui: Home :: LETTERA APERTA PER IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ON.SILVIO BERLUSCONI

09/08/2010

LETTERA APERTA PER IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ON.SILVIO BERLUSCONI

Con questo è evidente che è stato Lei stesso a consigliare a Noi Meridionali, se vogliamo difendere DIGNITA' E DIRITTI, di organizzarci in un movimento politico. E lo abbiamo fatto.

LETTERA APERTA

PER IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

ON. SILVIO BERLUSCONI

 

 

 

Egregio Presidente,

La prego di Voler accettare il parere di una persona che pur non essendosi laureata in Politica, poiché ha scelto di fare il Medico, conserva quei valori che sono stati patrimonio di tante generazioni quali la dignità, la correttezza dei comportamenti, il rispetto degli altri, l’istintiva solidarietà per chiunque ne abbia bisogno e che nutre una gran voglia di pulizia morale e di giustizia sociale.

Quella giustizia sociale che da sempre è stata calpestata a danno dei meridionali, oggi costretti a lottare per i propri diritti, traditi da tutti e da sempre.

Ho circa la sua età, e da 15 anni ho ritenuto giusto battermi tra mille difficoltà a favore della mia GENTE e della mia TERRA, il Meridione, costretti a sopportare disagi che non meritano, per questo sono definito Meridionalista.

Non posso non aver seguito con interesse tutto ciò che ha fatto come politico e “Noi Meridionali” abbiamo ritenuto di darle fiducia decretando il suo successo elettorale. Il consenso dei meridionali non è stato su base ideologica , ma la conseguenza delle promesse a favore dell’economia meridionale contenute nel suo programma elettorale.

Presidente, non Le nascondo che siamo ad oggi profondamente delusi ! Lei quotidianamente riferisce di sondaggi che la danno in ascesa. I sondaggi sono il suo punto fisso. Di certo non lo è altrettanto il dramma che continua a vivere la Gente del SUD, alla quale, dopo due anni di Governo, non solo non ha dato alcuna attenzione, anzi è stata danneggiata dal saccheggio dei FONDI FAS a favore del NORD.

Tutto ciò sotto la regia della Lega Nord che ormai, è evidente , la condiziona quotidianamente. Le ricordo che se è vero che la Lega ha dato un importante contributo alla Sua Vittoria non di meno hanno fatto i Meridionali votando PDL. Eppure, Noi Meridionali siamo costretti a subire lo strapotere che Lei ha voluto concedere alla Lega ed è come se i voti che i meridionali hanno dato a Lei ed al PDL ci si siano rivolti contro.

La forza contrattuale di Bossi non sarebbe prevalsa se non si fosse associata alla Sua debolezza. Lei continua ad affermare che Bossi è il suo alleato più leale e non si accorge che è solo “amicizia interessata” che la sta vampirizzando e distruggendo politicamente.

Basta pensare alle famose “Quote latte “, in difesa degli  allevamenti del Nord, tra l’altro rei di truffa, che costerà tanto agli italiani che subiranno una multa dall’U.E

Il meridione è del tutto uscito dalle SUE preoccupazioni, ammesso che ci sia mai entrato.

Lei sa, Sig.  Presidente, che per far ottenere un modesto vantaggio agli agricoltori meridionali per quanto concerne i famosi crediti previdenziali, la SEN. POLI BORTONE aveva presentato un emendamento in Finanziaria che è stato bocciato dalla Sua maggioranza che noi abbiamo partecipato a darle.

Sig. Presidente, si è accorto che ormai è la Lega a governare in Sua vece e non solo per i suoi sette ministeri (4 sono di Tremonti che, ovviamente  Lei concorderà, è in quota Lega)ma anche perché Maroni detta i tempi del Governo”Approviamo il federalismo fiscale ed a Ottobre si vota”?

Il governo lo si fa vivere ad uso esclusivo della Lega e poi lo si fa morire.

A Lei Sig.  Primo Ministro per caso non viene in mente che i meridionali aspettiamo ancora norme che ne rilancino l’economia, oggi non competitiva per la grave carenza di infrastrutture e servizi?.

Ci dia un consiglio sincero, ritiene che per questo dovremmo rivolgerci a Bossi?

Sig. Presidente, se si assume la grave responsabilità di avallare ancora l' arroganza della Lega e di ignorare le giuste istanze dei meridionali ,Le assicuro che i sondaggi in Suo possesso Le daranno una grande delusione!

E’ stato detto che il comportamento di Fini è scaturito dalla mancanza di ruoli personali. Errore Grave, è stato un contrasto prettamente politico. La prima dichiarazione di Fini è stata la denuncia del Suo cedimento alla Lega ed una difesa del Meridione e Lei ha ritenuto di “cacciarlo”.

Ritiene che i Meridionali possano aver apprezzato  quanto da Lei fatto e sostenuto dai cosiddetti  Falchi, che senza Lei non sarebbero nemmeno farfalle?!

Che Lei sia debole nei confronti della Lega non è solo l’opinione di Fini, poiché è confermato da un Suo fedelissimo , Gianfranco Miccichè, che in pubblico riferisce di un episodio che in Consiglio dei Ministri  lo vedeva opporsi a ragione contro un leghista in favore del Meridione.  Lei lo avrebbe chiamato in disparte intimandogli di recedere perché “Tu sei un iscritto ad un partito, mentre la Lega è un partito di cui abbiamo bisogno per governare”. E Lei accetta questi ricatti!

Perché no, in fondo ad essere danneggiato è solo il Meridione!

Con questo è evidente che è stato Lei stesso a consigliare a Noi Meridionali, se vogliamo difendere DIGNITA' E DIRITTI, di organizzarci in un movimento politico. E lo abbiamo fatto.

Sig. Presidente, Lei sta perdendo potere e carisma, non è stato capace di fronteggiare la Lega, non è stato capace di risolvere politicamente la divergenza di Fini, non è stato capace di inchiodare alle proprie responsabilità Fitto che, prevaricando le SUE scelte, Le ha fatto perdere la Puglia, ostacolando la POLI BORTONE che oggi sosteniamo. E le conseguenze si vedono, se nonostante il Suo veto alle correnti anche la GELMINI, ne fa una mascherata da Centro Studi.

Sig. Primo Ministro, Lei di certo conosce la fiaba di ESOPO che racconta del leone ammalato. Lei si autoassolverà ritenendomi un comunista contro Lei e contro Bossi, sbaglierebbe ancora una volta. Le assicuro che io e “NOI MERIDIONALI”siamo stati suoi stimatori, oggi con qualche dubbio, ma che da meridionale per bene non vuole tradire con il silenzio chi, per un solo momento, ha rappresentato una speranza per il Meridione. Per quanto riguarda  Bossi, Le dico che, dimentichi della Sua frase in occasione dell' eruzione “FORZA ETNA” , abbiamo pregato per Lui durante la sua malattia e non ne siamo pentiti.

 

CON SIMPATIA

Enzo Maiorana

Segretario Nazionale di “NOI MERIDIONALI”

 


Segretario generale NOI MERIDIONALI ~ Enzo Maiorana

Enzo Maiorana - Segretario generale - Movimento politico "NOI MERIDIONALI"

Sede legale - Via Ippocrate 96 - 00161 Roma c.f. 97565260581 - Cell. 333 9590491 - info@noimeridionali.com ~ Privacy policy

 

Sito web realizzato da: CLIC - Consulenze per il web marketing

Posizionamento ai primi posti nei motori di ricerca a cura di: Antonino Argentati

 

Movimento politico