MOVIMENTO POLITICO "NOI MERIDIONALI"

Tu sei qui: Home :: "UN PATTO PER IL SUD"

28/10/2009

"UN PATTO PER IL SUD"

Gli intervenuti hanno suscitato grande entusiasmo, specie tra i Giovani che hanno dichiarato che finalmente è nato un progetto politico in cui si riconoscono e che difende lealmente il loro futuro, progetto rappresentato da persone credibili che hanno rinunciato a privilegi per battersi tra mille difficoltà per qualcosa in cui credono fortemente, la difesa della dignità e dei diritti dei Meridionali.

Enzo Maiorana è stato invitato a partecipare ad un convegno tenutosi al cinema Odeon di Reggio Calabria in data 23 Ottobre, organizzato dall’ON Beniamino Donnici, Presidente dei Circoli in “CALABRIA LIBERA “ sul tema “UN PATTO PER IL SUD”.

E’ intervenuta la Senatrice Adriana Poli Bortone Presidente del Movimento Meridionalista “IO SUD”.

Tra il pubblico numerosissimo erano presenti tanti Consiglieri Comunali, Provinciali e Regionali di vari partiti fortemente interessati al tema.

Gli intervenuti hanno suscitato grande entusiasmo specie tra i Giovani che hanno dichiarato che finalmente è nato un progetto politico in cui si riconoscono e che difende lealmente il loro futuro, progetto rappresentato da persone credibili che hanno rinunciato a privilegi per battersi  tra mille difficoltà per qualcosa in cui credono fortemente, la difesa della dignità e dei diritti dei Meridionali.

E’ giusto evidenziare i percorsi politici dei  Leader di “IO SUD” Adriana Poli Bortone, Beniamino Donnici e di Enzo Maiorana che da quindici anni si batte per i Meridionali da Leader di “Noi Meridionali”.

Poli Bortone è stata Sindaco di Lecce, più volte Parlamentare, Ministro, Eurodeputato e oggi Senatrice nominata come Lei stessa  preferisce definirsi,  nelle liste del PDL. Resasi conto che il PDL non stava realizzando il programma elettorale a favore dei Meridionali, ha avuto il coraggio di dimettersi  ed entrare nel gruppo misto, abbandonando un futuro certo per battersi tra mille difficoltà per la propria Gente.

Donnici, già Assesore alla Regione Calabria ed eurodeputato, ha rifiutato l’offerta di vari partiti a ricandidarsi per battersi nel proggeto Meridionalista “IO SUD”.

Enzo Maiorana, già consigliere provinciale di “NUOVA SICILIA”, ha rifiutato un’elezione certa al Senato proposta dal Presidente di NUOVA SICILIA  nelle liste del Centro Destra nel 2001 nel Collegio di Caltanissetta perché riteneva che eletto nella lista del Polo della Libertà non avrebbe potuto aiutare i Meridionali. Il suo posto veniva accettato da OGNI BENE, diventato senatore.

Enzo Maiorana, scioltasi NUOVA SICILIA, continuava a battersi per i Meridionali come Presidente di “Noi Meridionali”, ed ha lavorato per la nascita di un movimento meridionalista. Oggi finalmente presente “IO SUD”.

Riportiamo una sintesi del discorso di Enzo Maiorana al Convegno di Reggio Calabria.

Da 150 anni il Meridione d’Italia, ed i Meridionali sono dimenticati ed emarginati, costretti al sottosviluppo ed a sopportare il dramma dell’emigrazione.

Il 56% di disoccupazione giovanile, il 18% di disoccupazione generale, il 30% delle famiglie del Sud sono costrette a vivere con un reddito che non supera 500 euro al mese, 2.650.000 persone sono povere assolute cioè con reddito zero, subiamo una grave carenza di servizi ed infrastrutture (200%in meno del Nord) Ogni anno 70.000 giovani, spesso laureati , sono costretti ad emigrare.

Questo quadro da solo è in grado di esprimere il tradimento nei confronti  dei Meridionali perpetrato da tutti i governi e da tutti i partiti nazionali di destra e sinistra, responsabili di aver diviso L’Italia in due realtà con un Nord ricco in grado di competere e vicino agli standard europei ed un Sud povero e non competitivo più vicino agli Standard dell’Africa più povera, si viaggia a due velocità.

Ma bisogna avere il coraggio di riconoscere che la vera causa di questo malessere, i veri responsabili, sono stati e sono rappresentanti politici meridionali che invece di battersi in difesa degli interessi della propria gente , hanno sprecato ingenti risorse economiche a favore di un  clientelismo incivile per ottenere vantaggi personali.

E’necessario spazzare  via questa classe politica e sostituirla con persone che credono fortemente nel progetto di rinascita del Meridione. D’altra parte lo stesso Presidente NAPOLITANO ha avuto il coraggio di ammettere che con questa classe politica nessun progetto per il Meridione sarà credibile.

Oggi non sono più credibili per i meridionali nemmeno i partiti nazionali.

Le opposizioni attaccano quotidianamente Berlusconi con l’accusa di non aver fatto nulla per contrastare l’aumento della disoccupazione nazionale che nell’ultimo anno è passata del 6.8% all’8%.

Questa opposizione si è mai accorta che la disoccupazione nel SUD  si è sempre mantenuta sul 20% e tale era anche quando hanno governato loro?

Solo ora che sono all’opposizione hanno sviluppato questa sensibilità?

Franceschini ripete continuamente che negli  ultimi 8 anni, su 6 ha governato Berlusconi. E un messaggio demagogico lanciato con l’unico obiettivo di trarre in inganno i meridionali, e la perfidia mi fa più ribrezzo della stessa malvagità.

Perché invitare i meridionali a valutare gli ultimi 8 anni e non invece invece gli ultimi 15? I meridionali si accorgerebbero del tradimento perpetrato nei loro confronti dal centro-sinistra non meno di quello del centro- destra.

Nel 1994 ha vinto Berlusconi, ha governato per un anno, è caduto il governo anche per le manovre dell’allora Presidente Scalfaro che ha dato l’incarico a Dini che per due anni ha governato sostenuto dal centro sinistra e dalla Lega.

Le successive elezioni furono vinte dal centro-sinistra che ha governato cinque anni (PRODI-D’ALEMA-AMATO).

Di conseguenza se invece di valutare gli ultimi 8 anni come perfidamente vuole invitarci a fare Franceschini, valutiamo gli ultimi 15 anni risulta una verità che ad arte si vuole nascondere e cioè che i due raggruppamenti hanno governato esattamente 7,5 anni ciascuno.

E noi meridionali abbiamo per caso visto qualche differenza nelle difficoltà nella nostra vita?

Oggi siamo traditi dal Governo Berlusconi che non solo non sta mantenendo le promesse fatte ai meridionali, ma al contrario sta utilizzando i fondi FAS, destinati allo sviluppo del mezzogiorno a favore del Nord.

E che fa il Centro-sinistra? Solo timide proposte perché non vuole perdersi l’elettorato del Nord cui vanno i benefici del tradimento del SUD.

E che dire del federalismo fiscale che è una truffa per il SUD? Il federalismo fiscale che vuole la Lega Nord non prevede nemmeno che le tasse sul reddito prodotto debbano rimanere nella regione che l’ha determinato, ma che vengano pagate alla regione dove l’azienda ha la sede legale. Cosi che le grandi aziende producono ricchezza  nel Meridione, spesso inquinando, e pagano le tasse al Nord.

Che cosa ha fatto il PD in occasione della votazione per l’approvazione alla camera del federalismo fiscale?

Si è astenuto ricevendo i ringraziamenti di Bossi.

Del centro-destra è inutile dire, poiché la sottrazione al meridione dei Fondi FAS parla da sola.

Si doveva sovvenzionare l’EXPO di Milano che, pare, darà un grande ritorno economico alla Lombardia, I soldi non ci sono, prendiamoli dai Fondi FAS per il Meridione.

Le infrastrutture Susa , i lavori per la Laguna Veneta, sovvenzionati con i fondi FAS. Servono soldi per ampliare gli ammortizzatori sociali, presi dai fondi FAS.

Da tenere presente che dei  562.000 cassa integrati solo l’1% interessa lavoratori del SUD.

Gli allevatori del Nord sono stati multati dall' Europa per le quote latte? Nessun problema, Zaia ha previsto la garanzia per le multe prendendo i soldi dai Fondi  FAS.

La Senatrice Poli Bortone ha presentato un disegno di legge che venisse incontro agli agricoltori per quanto attiene ai crediti previdenziali, alla cui definizione non hanno potuto aderire l’85% degli agricoltori del Sud.

Si  chiedeva l’utilizzo di una pur minima parte dei Fondi a garanzia del debito.

La proposta di legge è stata respinta. Sia il Centro-destra che il centro-sinistra  sono nordisti ed antimeridionali.

Esiste una forte rappresentanza politica a favore del  Nord, la Lega Nord, il PD del Nord voluto da CACCIARI, CHIAMPARINI ed altri, lo stesso Berlusconi ammette che senza Bossi non può governare, i politici meridionali hanno l’unico obiettivo di mantenere il posto, e quindi chi difende gli interessi dei meridionali?

Non vi sembra che per legittima difesa sia il caso di abbandonare i partiti che ci hanno tradito, superando le differenze, per stare insieme in un grande progetto politico meridionalista, l’unico in grado di difendere DIGNIT' E DIRITTI di una parte d’Italia fino ad oggi saccheggiata?

Noi non siamo contro il Nord, siamo a favore del SUD, e vogliamo evitare che si continui a legiferare a  danno dei meridionali.

Pretendiamo che un Giovane nato nel Meridione debba avere nella vita le stesse opportunità di un suo coetaneo del Nord.

Ritenete che questo ci caratterizzi come Rivoluzionari?

Bossi vuole ripristinare le gabbie salariali sostenendo che la vita nel Nord ha un costo maggiore. Non è vero, ma sorvoliamo.

Seguiamo lo stesso parametro di valutazione sulle tasse. Le tasse sono pagate per ricevere servizi ed infrastrutture. Le aliquote fiscali sono uguali su tutto il territorio nazionale ma anche i servizi e le dotazioni infrastrutturali fornite dallo Stato devono essere uguali.

Cosi non è mai stato e poiché il SUD ha il 50% in meno di queste dotazioni da oggi, vogliamo pagare il 50% delle tasse. Questo lo chiamiamo “GABBIE FISCALI” e faremo una grande battaglia.

Qualcuno ci chiede con chi faremo alleanze. Noi non abbiamo preferenze per nessuno e quindi le alleanze saranno il risultato su accordi di programma solo a favore dei Meridionali.

Senza di questo non faremo alleanze con nessuno, Vuol dire, come afferma la Senatrice Poli Bortone, che faremo gli eroi, d’altra parte non si perde mai quando ci si batte per dei Valori in cui si crede Fermamente.

Un forte abbraccio a Tutti

 Enzo Maiorana

                                                                                                            Enzo Maiorana                                                       

 

 


Segretario generale NOI MERIDIONALI ~ Enzo Maiorana

Enzo Maiorana - Segretario generale - Movimento politico "NOI MERIDIONALI"

Sede legale - Via Ippocrate 96 - 00161 Roma c.f. 97565260581 - Cell. 333 9590491 - info@noimeridionali.com ~ Privacy policy

 

Sito web realizzato da: CLIC - Consulenze per il web marketing

Posizionamento ai primi posti nei motori di ricerca a cura di: Antonino Argentati

 

Movimento politico