MOVIMENTO POLITICO "NOI MERIDIONALI"

Tu sei qui: Home :: Asamblea di Agricoltori Siciliani che rivendicano i Diritti a Esistere.

26/10/2009

Asamblea di Agricoltori Siciliani che rivendicano i Diritti a Esistere.

Il Segretario generale di Noi Sud è un sancataldese, Enzo Maiorana che, in questi giorni in Sicilia, ha assicurato il sostegno agli agricoltori siciliani da parte di tutti gli imprenditori agricoli del Meridione che a loro volta attueranno proteste.

INTERVISTA A ENZO MAIORANA,        SEGRETARIO GENERALE “NOI SUD”, NELL’ASSEMBLEA GENERALE DELL' AGRICOLTORE TENUTASI NELL’AULA ALESSANDRO VOLTA DI CALTANISSETTA, VENERDI 16/10/2009

 

 

“Noi Sud” è una federazione di comitati e associazioni autonome che tutelano gli interessi di meridionali sia lavoratori che imprenditori.

Il Segretario regionale del comparto agricolo e zootecnico, Agostino Lo Cascio, è a fianco degli agricoltori nell’attuale protesta in Sicilia.

Il Segretario generale di Noi Sud è un sancataldese, Enzo Maiorana che, in questi giorni in Sicilia, ha assicurato il sostegno agli agricoltori siciliani da parte di tutti gli imprenditori agricoli del Meridione che a loro volta attueranno proteste.

 

D: Come giudica la ribellione degli agricoltori in Sicilia?

R: Assolutamente necessaria e giusta, così come quella di tutti gli agricoltori del Meridione, oggi economicamente allo stremo.

 

D: Da cosa scaturisce?

R: Da cinquanta anni d’incuria e inefficienza dei politici di destra e di sinistra, dei sindacati di categoria, che non hanno tutelato gli interessi degli agricoltori né dei meridionali.

 

D: In particolare cosa si contesta?

R: Tante cose, ma in generale che i costi di produzione aumentassero a dismisura e che i ricavi diminuissero tanto da non riuscire nemmeno a pareggiare le spese.

 

D: Può essere più chiaro?

R: Da una parte si è permesso che aumentassero i costi per mangimi, sementi, costi per macchine agricole, gasolio e costi dell’energia, dall’altra si è autorizzato l’ingresso di enormi quantità di prodotti dai Paesi extracomunitari, spesso inquinati e dannosi, che ha fatto crollare i ricavi.

 

D: Ma queste sono le regole del libero mercato e della globalizzazione.

R: È tutto sbagliato, è una globalizzazione selvaggia e senza regole tutta a vantaggio di potentati economici che non solo non ha dato benessere ai paesi poveri, che continuano a essere sfruttati, ma al contrario hanno creato povertà nei comparti quali l’agricoltura meridionale, svenduta a favore delle grandi industrie d’Europa e dell’Italia settentrionale. Si è sacrificata l’agricoltura meridionale per favorire l’esportazione di prodotti industriali.

 

D: Ma oggi è l’Europa a dettare le regole

R: Le leggi d’Europa non sono i dieci comandamenti, così come sono state scelleratamente fatte e permesse dal Governo Italiano, si ha l’obbligo di cambiarle. Non si possono privilegiare gli interessi degli industriali del Nord, uccidendo gli agricoltori del Sud. O si cambiano le regole o si obbliga l’Europa ad un giusto indennizzo del danno subito dagli agricoltori.

 

D: Qual è la vostra proposta?

R: Nell’immediato aiuti economici per la sopravvivenza delle famiglie degli agricoltori, nel medio termine la riforma del Piano Agricolo Comunitario.

 

D: Riusciranno gli agricoltori siciliani ad ottenere tutto ciò, sembra abbastanza impegnativo.

R: Dipende da loro, dalla loro intelligenza, dalla loro determinazione nel cambiare anche mentalità nei confronti delle scelte politiche.

 

D: Che significa?

R: Di certo otterremo qualche piccola concessione nell’immediato con l’obiettivo di bloccarli e di disperderli, se sapranno bocciare i partiti tradizionali, la vecchia classe politica ed i sindacati da cui sono stati traditi e unirsi in un progetto politico meridionalista quale “Io Sud” della senatrice Poli Bortone, avranno i loro rappresentanti regionali, nazionali ed europei che potranno cambiare le regole.

 

D: Ma solo la Sicilia però può fornire una forza politica così forte.

R: Non sono soli poiché alla confederazione “Noi Sud” hanno aderito anche gli agricoltori di tutte le regioni meridionali. Oggi esiste la Lega Nord, il PD del Nord e Berlusconi ha dichiarato che senza Bossi non può governare. In uno scenario del genere chi difende gli interessi dei meridionali e degli agricoltori se non una forza meridionalista?

 

D: Volete ripetere un progetto nel Sud realizzato nel Nord dalla Lega?

R: Siamo in una posizione diametralmente opposta, infatti, non siamo contro il Nord, ma a favore della Gente del Sud, non vogliamo dividere l’Italia, ma semmai riunirla visto che oggi è divisa in un Nord ricco ed un Sud povero.

 

D: Come pensate di convincere la gente?

R: Il progetto è nato per pulsione spontanea. Bastava aver assistito all’assemblea regionale degli agricoltori tenutasi a Caltanissetta il 16 scorso per capire che i partiti ed i sindacati tradizionali ormai sono bocciati inesorabilmente perché ritenuti responsabili di tanti disastri.


Segretario generale NOI MERIDIONALI ~ Enzo Maiorana

Enzo Maiorana - Segretario generale - Movimento politico "NOI MERIDIONALI"

Sede legale - Via Ippocrate 96 - 00161 Roma c.f. 97565260581 - Cell. 333 9590491 - info@noimeridionali.com ~ Privacy policy

 

Sito web realizzato da: CLIC - Consulenze per il web marketing

Posizionamento ai primi posti nei motori di ricerca a cura di: Antonino Argentati

 

Movimento politico